Andamento della quotazione di Bitcoin da inizio 2021 ad oggi

La quotazione del Bitcoin rappresenta un dato molto interessante che, nel corso dell’anno, ha vissuto diversi cambiamenti repentini, offrendo anche in questo caso una serie di spunti interessanti agli investitori. Ecco cosa tutto occorre conoscere in merito a tale tipologia di dato, con qualche previsione per l’anno futuro.

L’inizio positivo del Bitcoin

Il 2021 si è aperto in maniera ottimale per questa moneta virtuale, che ha saputo proseguire un trend positivo iniziato nel 2020 che sembrava facesse ben sperare agli investitori in un incremento costante per tutta la durata dei 12 mesi dell’anno in corso. Il dato iniziale di gennaio segnava una media di 33 come valore, con picchi variabili che hanno raggiunto un valore minimo di 28 e uno massimo di 44. L’incremento, rispetto allo scorso anno, era del 14 percento. Anche febbraio e marzo hanno rappresentato due mesi molto interessanti per questa moneta virtuale, che ha fatto registrare rispettivamente un valore massimo di 45 e a marzo uno massimo di 58, con picchi che hanno raggiunto un valore pari a 61.

Il calo dei Bitcoin nel secondo quadrimestre 2021

Come accaduto anche in passato, il valore dei Bitcoin ha vissuto il classico periodo durante il quale il calo del valore si è palesato. Al contrario degli scorsi anni, però, questo dato ha fatto preoccupare parecchio gli investitori, che hanno notato come a maggio il valore della moneta abbia perso oltre venti punti rispetto a quanto registrato a inizio anno. Il calo del valore ad aprire si è fermato a pochi punti, portando i Bitcoin a una quotazione di 57, con il crollo avvenuto nel mese successivo.

La perdita del 35 percento del valore ha rappresentato, almeno fino a ora, il picco minimo toccato durante l’intero anno solare, rendendo quindi questa moneta meno forte rispetto a quanto accadeva nella prima parte del 2021. Inoltre occorre precisare come pure il mese di maggio abbia rappresentato un momento durante il quale i Bitcoin hanno perso valore, seppur la percentuale di tale situazione sia stata molto bassa.

La ripresa dei Bitcoin

Il valore dei Bitcoin è riuscito comunque a tornare a ottimi livelli durante il periodo estivo, con un incremento massimo registrato a ottobre del ventisette percento rispetto al picco minimo raggiunto durante i mesi precedenti. Per la precisione occorre sottolineare come la moneta virtuale abbia registrato un valore di 41 e di 47 rispettivamente a luglio e ad agosto, per poi subire l’ennesima perdita a settembre, portando il valore della moneta virtuale a 44.

A ottobre il nuovo picco massimo ha ristabilito la quotazione a 55, rendendo quindi nuovamente interessante questa criptovaluta nella parte finale dell’anno. Il 2022 potrebbe essere un altro anno interessante per i Bitcoin, pronti ancora una volta a scrivere un’interessante pagina della loro storia e fare in modo che il loro valore complessivo subisca un incremento tale da stimolare anche te nell’acquisto e nella compravendita generale di tali monete virtuali.

Lascia un commento