I profitti di Coinbase scendono del 75% nel terzo trimestre nonostante il listing di Dogecoin e Shiba Inu

Coinbase, il più grande exchange di criptovalute con sede negli Stati Uniti per volume di scambi, ha registrato oggi guadagni del terzo trimestre di 406 milioni di dollari.

Sebbene tale numero rappresenti un aumento del 500% rispetto al terzo trimestre del 2020, si tratta comunque di un calo considerevole dal suo record da aprile a giugno, il suo primo periodo di riferimento come società quotata in borsa, quando ha registrato un utile netto di 1,6 miliardi di dollari.

Coinbase
Coinbase

Le società finanziarie con prodotti crittografici hanno per lo più riportato ricavi ridotti del terzo trimestre rispetto al secondo trimestre, quando i mercati stavano percolando, qualcosa a cui il CFO di Coinbase Alesia Haas alludeva nella chiamata degli investitori di oggi quando ha affermato: “Il volume degli scambi nell’intero mercato spot delle criptovalute è diminuito trimestre su trimestre in Q3.”

Square, che consente l’acquisto e il trading di Bitcoin tramite la sua App Cash, ha annunciato un calo del 23% delle entrate di BTC nel terzo trimestre, contribuendo a una leggera diminuzione del profitto complessivo per l’azienda. Il calo di Robinhood è stato più ripido, con le entrate delle criptovalute in calo del 78%. Le entrate totali per l’app di trading di azioni e criptovalute sono scese da 565 milioni di $ a 365 milioni di $. Tutte e tre le società utilizzano le criptovalute come strategia a lungo termine piuttosto che come soluzione a breve termine.

Coinbase sta rapidamente espandendo i suoi listing di crypto e, a differenza dei trimestri precedenti, Bitcoin ed Ethereum non controllavano più la maggior parte del volume degli scambi o delle entrate delle transazioni. I ricavi di Bitcoin ed Ethereum sono diminuiti dal 26% ciascuno del totale nel secondo trimestre al 21% e al 22% nel terzo trimestre. Altre criptovalute hanno rappresentato il 57% delle entrate delle transazioni, così come il 59% del volume degli scambi.

L’exchange di criptovalute ha lavorato per aggiungere nuove cryptovalute, espandendosi rapidamente dai cinque principali che ha tenuto a disposizione fino a tre anni fa. L’aggiunta più notevole è stata Dogecoin, che ha ravvivato le casse della società quando è stata aggiunta all’inizio di giugno, e Shiba Inu, il contraccolpo di DOGE che ha iniziato a essere scambiato in borsa alla fine dell’ultimo trimestre.

“Non sappiamo con precisione quali criptovalute adotteranno i clienti, quindi la nostra strategia è quella che supporta tutte le risorse legali”, ha affermato Haas.

Info su Lorenzo Caruso

Lorenzo Caruso
Lorenzo Caruso, reddattore di dcorp.it, è un esperto di trading che negli ultimi anni oltre a lavorare sui classici mercati regolamentati si è didicato anche al trading di criptovalute. Scrive su tematiche legate alle nuove tecnologie, NFT e criptovalute fornendo anche spunti di analisi tecnica e fondamentale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *