Il CEO di Coinbase afferma che il caso SEC contro Ripple “sta andando meglio del previsto”

Il CEO dell’exchange di criptovalute Coinbase quotato al Nasdaq, Brian Armstrong, ha commentato lunedì l’azione di contrasto contro Ripple Labs da parte della Securities and Exchange Commission (SEC) degli Stati Uniti. Facendo riferimento a un articolo di Forbes intitolato “La rivolta delle criptovalute che la SEC non ha previsto”, ha twittato:

“Il caso Ripple sembra andare meglio del previsto. Nel frattempo, la SEC si sta rendendo conto che attaccare le criptovalute è politicamente impopolare (perché danneggia i consumatori).”

Ripple
Ripple

“L’ironia è che le persone che dovrebbero proteggere sono quelle che li attaccano”, ha aggiunto il capo di Coinbase.

Il CEO di Ripple Brad Garlinghouse ha rilasciato una dichiarazione simile per quanto riguarda la SEC. Notando che il regolatore si rifiuta di fornire un quadro chiaro per le criptovalute, ha affermato: “Invece di lavorare con l’industria, la SEC sta usando i loro incontri con le aziende come lead generation per le loro azioni di applicazione”. Ha aggiunto che molti detentori di XRP hanno intentato una causa legale contro la SEC, sottolineando: “Queste sono le persone esatte che la SEC dovrebbe proteggere”.

Diverse persone su Twitter hanno espresso sorpresa nel vedere Armstrong twittare un commento positivo su Ripple. Molti hanno preso la sua affermazione come un segno rialzista che il prezzo di XRP aumenterà presto.

Alcune persone sospettano che Coinbase possa presto rimettere in vendita XRP. “Sembra che Brian Armstrong e Coinbase dovrebbero prepararsi a rimettere in vendita XRP”, ha twittato una persona. Tuttavia, alcuni sono ancora scettici, sostenendo che Coinbase non rimetterà in vendita XRP fino alla fine della causa. Coinbase ha rimosso XRP a gennaio, subito dopo che la SEC ha intentato una causa contro Ripple Labs e i suoi dirigenti, il CEO Garlinghouse e il co-fondatore Chris Larsen.

La stessa società quotata al Nasdaq ha recentemente avuto problemi con l’autorità di vigilanza sui titoli quando ha cercato di avviare un programma di prestito. Lo scambio ha discusso del prodotto con la SEC, ma è stato minacciato di azioni legali se avesse proceduto con il lancio. Ciò ha indotto Coinbase a accantonare il prodotto.

Info su Giorgia Sartori

Giorgia Sartori
Giorgia Sartori è una Redattrice di dcorp.it, laureata in economia e finanza, lavora presso uno dei principali istituti di credito italiani e per passione approfondisce e scrive su tematiche legate alle criptovalute e finanza decentralizzata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *