Il miglior wallet per Criptovalute: Guida ai 7 migliori Hardware Wallet

Quando si tratta di archiviare criptovalute in modo sicuro, i portafogli hardware sono ampiamente considerati il ​​gold standard. I portafogli hardware mantengono le chiavi private della tua criptovaluta archiviate in un ambiente offline sicuro, il che significa che, a differenza dei portafogli software, sono completamente immuni agli attacchi online. I migliori portafogli hardware sono anche resistenti alla manomissione fisica.

I wallet hardware sono l’ideale per chiunque cerchi di archiviare in sicurezza un consistente portafoglio di criptovalute o di portare con sé il proprio portafoglio in movimento. Sono anche una scelta eccellente per chiunque cerchi di archiviare le proprie risorse crittografiche a lungo termine, con poca necessità di accedervi regolarmente. Attualmente ci sono dozzine di opzioni sul mercato, ognuna con i propri pro e contro, e la base di utenti target; abbiamo raccolto alcuni dei principali contendenti.

Ledger Nano X

Rilasciato per la prima volta nel 2019, Ledger Nano X è una delle ultime entrate nel mercato dei portafogli hardware. Un passo avanti rispetto al vecchio Ledger Nano S, il Nano X presenta una memoria interna migliorata, che consente di archiviare fino a 100 app invece delle due o tre che il Nano S può gestire. Ha anche un design rinnovato con un display più grande e il supporto Bluetooth, che consente di utilizzare il dispositivo per sincronizzarsi in modalità wireless con l’app per smartphone Ledger Live.

Come il suo predecessore, il Nano X supporta un’enorme varietà di criptovalute ed è uno dei portafogli più portatili disponibili, rendendolo ideale per chi è regolarmente in movimento. Una serie di aggiornamenti del firmware dal rilascio di Nano X ha aggiunto funzionalità tra cui la semplificazione del processo di aggiornamento per il dispositivo e l’aggiunta del supporto completo per Ethereum 2.0.

Trezor Modello T

Il Trezor Model T è l’ultima incursione di SatoshiLabs nel mercato dell’hardware. Il modello T è simile nel design al vecchio Trezor Model One, sebbene con un’interfaccia touchscreen più grande e il supporto per una gamma molto più ampia di criptovalute.

Sebbene costoso, il Trezor Model T è considerato uno dei migliori portafogli hardware sul mercato, in particolare per coloro che sono interessati alle implicazioni sulla sicurezza della connettività Bluetooth di cui sono dotati molti recenti portafogli di punta.

Luglio 2021 ha visto il lancio di Trezor Suite, un’app desktop completa che ha sostituito la precedente app Web Trezor Wallet come interfaccia principale per i portafogli Trezor. Offre un’esperienza utente più snella e sicura, con funzionalità che includono l’integrazione con Tor con un clic e l’opzione per acquistare criptovalute e inviarle direttamente al tuo portafoglio hardware.

Ledger Nano S

Uno dei portafogli hardware di criptovaluta più popolari sul mercato, il Ledger Nano S è un portafoglio attraente e facile da usare, adatto a chi cerca una sicurezza solida con un budget limitato. Il Ledger Nano S offre supporto per oltre 1.000 criptovalute e racchiude un elemento sicuro integrato di livello bancario.

Un importante aggiornamento del firmware nel maggio 2021 semplifica il processo di onboarding, offrendoti una scelta di quattro parole per confermare la frase di ripristino anziché costringerti a scorrere tutte e 24 le parole. Aggiunge anche la funzione Control Center di Nano X; una pressione prolungata su entrambi i pulsanti ti porta a un menu che ti consente di regolare le impostazioni ed eliminare le app sul dispositivo, senza dover utilizzare il software desktop Ledger Live.

Trezor Model One

Rilasciato per la prima volta da SatoshiLabs nel 2014, Trezor Model One è stato uno dei primi portafogli hardware ad arrivare sul mercato. Nonostante la sua età, Trezor One impressiona ancora per le sue funzionalità di sicurezza, il supporto per una vasta gamma di criptovalute e la compatibilità con dozzine di portafogli esterni.

Essendo uno dei portafogli più vecchi sul mercato, il Trezor One ha un prezzo interessante, ma ha ancora alcuni dei migliori in termini di funzionalità. Come il suo cugino più costoso, il Model T, anche il Model One beneficia della possibilità di utilizzare la nuova app Trezor Suite come interfaccia del portafoglio.

CoolWallet S

Il CoolWallet S è un portafoglio hardware sottile progettato per adattarsi al tuo portafoglio insieme alle tue carte di debito e di credito. Il CoolWallet S offre supporto per la maggior parte delle principali criptovalute ed è uno dei pochi portafogli hardware impermeabili disponibili.

CoolWallet S è inoltre dotato di connettività Bluetooth, che ti consente di gestire il tuo portafoglio da quasi tutti i dispositivi compatibili con Bluetooth.

KeepKey

KeepKey è un semplice portafoglio hardware con un design e una sensazione di alta qualità. Progettato per essere facilmente accessibile, KeepKey consente agli utenti di archiviare le criptovalute più popolari in celle frigorifere e scambiare risorse direttamente sul dispositivo grazie alla sua funzionalità ShapeShift integrata.

Come uno dei portafogli hardware più economici in questo elenco, KeepKey offre un eccellente rapporto qualità-prezzo, in particolare per quelli che non necessitano di funzionalità di fascia alta.

SafePal S1

a SafePal S1 supportato da Binance è un portafoglio hardware meno noto che cerca di rendere più sicuro l’archiviazione di criptovalute attraverso un dispositivo completamente autonomo privo di USB, Bluetooth, Wi-Fi e altri metodi di connessione.

Questo dispositivo relativamente economico è dotato di una fotocamera integrata e sei pulsanti fisici, che sono tutto ciò di cui hai bisogno per archiviare e accedere a migliaia di diverse criptovalute scansionando i codici QR sull’app mobile associata.

I migliori portafogli hardware di criptovaluta: il verdetto

Come per la maggior parte delle cose, la selezione del portafoglio hardware di criptovaluta che funziona meglio per te probabilmente dipenderà dalle tue esigenze e preferenze individuali. Ogni portafoglio in questo elenco fornirà una sicurezza migliore rispetto a un software standard o a un portafoglio mobile, ma non tutti offrono la stessa facilità d’uso, funzionalità e gamma di criptovalute supportate.

Basato sulla sola sicurezza, il Ledger Nano S è probabilmente il più testato in battaglia del gruppo e ha chiaramente beneficiato delle intuizioni raccolte dal team di sicurezza di Donjon di Ledger. Il Ledger Nano X è probabilmente altrettanto sicuro poiché utilizza lo stesso stack di sicurezza e la sua connettività Bluetooth non sembra aver indebolito la sua sicurezza, ma è più recente e non è ancora stato oggetto di altrettanto controllo.

KeepKey è uno dei portafogli più facili da usare, rendendolo una buona scelta per i nuovi arrivati ​​nello spazio crittografico; anche i Ledger Nano S e X sono estremamente accessibili grazie all’intuitiva applicazione Ledger Live. Il rovescio della medaglia, SafePal S1 è meno accessibile agli utenti inesperti.

Per quanto riguarda il supporto delle risorse, il Ledger Nano X pulisce semplicemente il pavimento con tutto il resto della lista, ma questa versatilità ha un prezzo relativamente alto. Per un buon mix di rapporto qualità-prezzo e supporto patrimoniale, il Ledger Nano S dovrebbe rappresentare una via di mezzo accettabile per la maggior parte degli utenti e il Trezor Model One offre un valore simile per quelli con un portafoglio di criptovalute diversificato.

Funzionalità aggiuntive come la funzionalità di autenticazione a due fattori possono essere trovate su diversi dispositivi nell’elenco, inclusi Trezor Model One e Ledger Nano X, mentre Trezor Model T, CoolWallet S e Ledger Nano X offrono il supporto Bluetooth per una maggiore flessibilità.

Nel complesso, riteniamo che Ledger Nano X rappresenti il ​​miglior mix di sicurezza, supporto per le risorse e funzionalità aggiuntive, ma quelli che non necessitano del supporto Bluetooth saranno probabilmente serviti altrettanto bene dal portafoglio Ledger Nano S più economico.

Info su Veronica Ferretti

Veronica Ferretti
Veronica Ferretti, laurata in Economia Aziendale e da sempre appassionata di scrittura è la direttrice responsabile di dcorp.it. Si occupa di stabilire il piano editoriale quotidiano del sito, distribuire i contenuti da scrivere a i vari redattori, e di revisionare i contenuti prima della pubblicazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *