Il sindaco di Miami vuole ricevere l’intero stipendio in Bitcoin

Martedì, il sindaco Suarez ha fatto un annuncio su Twitter, in cui ha twittato le sue intenzioni di ricevere il suo prossimo stipendio interamente in BTC. Ha anche taggato Mike Sarasti, il direttore dell’innovazione e della tecnologia della città, per assisterlo in questa impresa. Sarasti ha twittato di aver inviato al sindaco un link di iscrizione a Strike dopo aver incassato con successo alcuni dei suoi stipendi più recenti in bitcoin attraverso il servizio.

L’annuncio è arrivato in risposta a un precedente tweet dell’investitore di criptovalute ed esperto del settore Anthony Pompliano, in cui ha invitato i politici americani a iniziare ad accettare pagamenti degli stipendi in criptovaluta.

L’amore di Suarez per BTC

Il sindaco Suarez è stato un campione significativo per Bitcoin. Pertanto non è una sorpresa che diventerà il primo politico statunitense a mostrare il suo sostegno alla prima criptovaluta in questo modo. Ha lavorato per adottare Bitcoin a Miami e rendere la città l’hub crittografico degli Stati Uniti. Anche se molte altre città, come New York, Florida, ecc., stanno cercando di sviluppare le loro comunità crittografiche, Miami è molto avanti nella corsa, grazie a Suarez.

Miami
Miami

Suarez è sempre stato ottimista nei confronti di BTC e del mercato delle criptovalute. Ha attirato con successo aziende tecnologiche e innovatori di criptovalute in città e ha parlato alla Convention Bitcoin 2021, il più grande evento bitcoin della storia.

Ha anche concentrato la sua attenzione sulla creazione di strutture minerarie di Bitcoin efficienti dal punto di vista energetico e aveva persino cercato di investire i fondi della città in BTC. Prima di annunciare la sua ultima intenzione di accettare uno stipendio in BTC, Suarez aveva già annunciato un piano per pagare i funzionari della città in Bitcoin. Secondo lui, ciò consentirebbe ai residenti di Miami di pagare tasse ed eventualmente tasse in BTC.

Il successo di MiamiCoin

Suarez aveva anche lanciato l’iniziativa MiamiCoin (MIA) a metà del 2021, rendendo Miami l’unica città degli Stati Uniti ad avere il proprio token nativo. Per ogni transazione del MIA, le monete destinano il 30% della loro ricompensa alla città. Di conseguenza, la criptovaluta ha incassato milioni di dollari di entrate che potrebbero essere incanalate per finanziare iniziative di miglioramento delle infrastrutture della città. Il sindaco ha anche affermato che a causa del fenomenale tasso di crescita dell’ecosistema e del protocollo della moneta, MIA potrebbe potenzialmente compensare l’intero budget fiscale della città.

Info su Giorgia Sartori

Giorgia Sartori
Giorgia Sartori è una Redattrice di dcorp.it, laureata in economia e finanza, lavora presso uno dei principali istituti di credito italiani e per passione approfondisce e scrive su tematiche legate alle criptovalute e finanza decentralizzata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *