La banca più antica della Thailandia acquisisce il 51% dell’Exchange Bitkub

La banca Siam Commercial ha annunciato di aver acquisito una quota significativa nell’exchange di criptovalute Bitkub. La filiale di titoli della banca thailandese acquisirà una quota del 51% nello scambio di risorse digitali per 17,85 miliardi di baht tailandesi (537 milioni di dollari).

Bitkub ha annunciato la notizia tramite il proprio sito Web, affermando che la decisione di collaborare con la banca commerciale Siam sarebbe un “passo significativo” nella crescita dell’economia thailandese a lungo termine. Jirayut Supsrisosopha, CEO del gruppo, fondatore e amministratore delegato di Bitkub Capital Group Holdings Co., Ltd., ha dichiarato:

“Bitkub ha raggiunto il punto in cui siamo diventati un’importante struttura dell’economia futura della Thailandia. Conosciuta anche come Economia Digitale, Bitkub non è più solo una startup. Ma sta diventando un’infrastruttura necessaria per l’industria finanziaria 3.0 in Thailandia. Ora abbiamo portato Bitkub a una svolta molto importante. e per portare Bitkub a livello globale abbiamo bisogno di un partner forte che ci aiuti a raggiungere un livello più rapido e sostenibile. Ecco perché collaboriamo con SCBS.”

Exchange
Exchange

Fondato nel febbraio 2018, BitKub si propone come l’exchange di criptovalute numero uno in Thailandia. La recente partnership con la più antica banca thailandese SCB consentirà a entrambe le parti di crescere nella nuova economia digitale. Il nuovo accordo andrà avanti nel primo trimestre del 2022 secondo l’annuncio. Ecco cosa ha detto il CEO di SCBx Mr. Arthit Nanthawittaya sull’annuncio:

“Negli ultimi 1-2 anni, il business degli asset digitali, una delle attività finanziarie del mondo futuro, è cresciuto rapidamente. E c’è la possibilità di crescere a lungo termine. “SCB X Group” investe in “Bitkub Online Co., Ltd.), che fornisce una piattaforma di trading di asset digitali leader in Thailandia che ha credibilità Con una crescita continua in passato, SCBX Group sarà in grado di creare nuovo valore che può crescere in il lungo termine con il nuovo mondo.In linea con la strategia di SCBX di passare a un gruppo di tecnologia finanziaria in grado di soddisfare le nuove esigenze dei consumatori e in grado di entrare in un nuovo campo di concorrenza che si aprirà molto rapidamente nei prossimi 3-5 anni. “

SCB non è estranea agli investimenti in fintech e DeFi, con la sua controllata di fintech venture che ha già investito in diverse società fintech/DeFi tra cui Ripple, Fireblocks e BlockFi.

Info su Giorgia Sartori

Giorgia Sartori
Giorgia Sartori è una Redattrice di dcorp.it, laureata in economia e finanza, lavora presso uno dei principali istituti di credito italiani e per passione approfondisce e scrive su tematiche legate alle criptovalute e finanza decentralizzata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *