Le fee della rete Ethereum salgono ancora mentre l’ENS colpisce ATH

I prezzi del gas fee per il livello 1 Ethereum possono essere descritti solo come folli al momento. Secondo Bitinfocharts, la commissione di transazione media su Ethereum è salita a $ 63 il 9 novembre, il secondo livello più alto nella storia della rete. Il picco è arrivato il 12 maggio, quando il prezzo medio del gas ha raggiunto i 70 dollari. L’attuale costo medio di una transazione al momento della scrittura è di circa $ 57.

Le gas fee variano notevolmente a seconda del tipo di transazione. Un semplice trasferimento ERC-20 costerà molto meno di una complessa interazione con un contratto intelligente. Secondo Etherscan, inviare semplicemente token basati su Ethereum costa circa $ 45.

Ethereum
Ethereum

Effettuare un token swap sul livello 1 di Uniswap o aggiungere o rimuovere liquidità da un protocollo DeFi può costare ben 130 dollari in gas. Critico crittografico “Mr. Whale” ha pubblicato un esempio della follia della gas fee: “Costa $ 500+ di commissioni per trasferire $ 20 sulla blockchain di #Ethereum. Le banche tremano di paura…” È probabile che il driver di questa follia del gas sia l’airdrop Ethereum Name Service (ENS) lanciato il 9 novembre e coinciso con il picco di gas.

Per richiedere i token ENS, è necessario utilizzare il gas e, dal momento che i titolari di domini li ricevono gratuitamente, non gli dispiacerà spenderli. I token possono essere richiesti fino al 4 maggio 2022, ma coloro che ne hanno diritto li vogliono subito poiché i prezzi stanno aumentando. Fino a quando Binance ha elencato ENS il 10 novembre, l’unico modo per venderli era su Uniswap, e farlo costava agli utenti centinaia di dollari in gas. Secondo CryptoFees, l’ENS ha generato $ 720 milioni in commissioni di rete il 10 novembre e $ 834 milioni il giorno precedente quando è stato lanciato.

La registrazione di un nome di dominio Ethereum costa circa $ 5 all’anno, ma le gas fee possono superare i $ 250 al momento. ENS ha raggiunto il massimo storico di $ 83,40 durante la sessione di trading asiatica di mercoledì mattina ed è attualmente in rialzo del 37% durante la giornata.

L’unico risultato delle commissioni di rete ridicolmente elevate per i titolari di ETH è che una parte maggiore della risorsa viene bruciata tramite EIP-1559. Secondo Ultrasound.Money, 841.000 ETH sono stati bruciati dall’aggiornamento all’inizio di agosto. Ai prezzi attuali, questo vale circa 3,9 miliardi di dollari. Il tracker del consumo di commissioni sta segnalando che ENS ha bruciato 500 ETH, o circa $ 2,3 milioni nelle ultime 24 ore, che è più di MetaMask.

Info su Lorenzo Caruso

Lorenzo Caruso
Lorenzo Caruso, reddattore di dcorp.it, è un esperto di trading che negli ultimi anni oltre a lavorare sui classici mercati regolamentati si è didicato anche al trading di criptovalute. Scrive su tematiche legate alle nuove tecnologie, NFT e criptovalute fornendo anche spunti di analisi tecnica e fondamentale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *